Slide background

Nomina canoniciDon Carlo Malavasi, don Fabio Barbieri, don Luca Baraldi, don Carlo Bellini, don Carlo Gasperi e don William Ballerini - Quattro canonici onorari, don Callisto Cazzuoli, don Alex Sessayya, don Germain Kitcho Dossou e don Marek Konieczny.

Alla fine del ritiro mensile con il clero diocesano, tenutosi in Seminario a Carpi giovedì 13 dicembre, il Vescovo monsignor Francesco Cavina ha annunciato la nomina di sei nuovi canonici statutari nelle persone di don Carlo Malavasi, don Fabio Barbieri, don Luca Baraldi, don Carlo Bellini, don Carlo Gasperi e don William Ballerini e di quattro canonici onorari nelle persone di don Callisto Cazzuoli, don Alex Sessayya, don Germain Kitcho Dossou e don Marek Konieczny. La nomina dei nuovi membri, ad un anno dall'apertura della Cattedrale e a pochi giorni dal ritorno della statua restaurata della Patrona, completa il cammino per restituire alla Cattedrale la sua funzione esemplare per la solennità della liturgia.

La costituzione del Capitolo annovera anche i canonici nominati in precedenza nelle persone di monsignor Rino Bottecchi, monsignor Renzo Catellani, don Benito Poltronieri, don Gianfranco Degoli, don Nino Levratti e don Francesco Cavazzuti. Con queste nomine Monsignor Vescovo ha dunque inteso rendere omaggio al presbiterio che in questi duri anni del post terremoto, ha saputo dare una così bella testimonianza di fedeltà e di sacrificio, ringiovanire il Capitolo della Cattedrale affinché sia garantita la partecipazione del Capitolo alla future solenni celebrazioni episcopali, esprimere anche un'attenzione e una riconoscenza per quei sacerdoti che, seppur ai confini della Diocesi, esercitano il ministero sacerdotale con zelo e spirito di profonda comunione col Vescovo. Questo istituto giuridico infatti nei secoli ha avuto grande importanza tanto da essere definito il "senato del Vescovo".

Fino al Codice di diritto canonico del 1983 il Capitolo nominava il vicario capitolare che reggeva la Diocesi in caso di sede vacante, oggi amministrata da un amministratore diocesano che, sulle indicazioni del Concilio Vaticano II, è nominato dal Collegio dei consultori, espressione del Consiglio presbiterale, organo rappresentativo del clero locale. Nonostante la riduzione dei compiti e delle responsabilità amministrative e decisionali, affidate ad altri uffici dalla nuova normativa canonica, attualmente il Capitolo conserva alcune importanti funzioni: la preghiera per cui, compatibilmente con il servizio richiestogli nella Chiesa locale, ogni canonico parteciperà in Cattedrale a qualche celebrazione della liturgia delle ore, compiendo un atto che sale a Dio dalla Chiesa madre della Diocesi per tutta la Chiesa locale.

A questa funzione si affianca quella di assistere il Vescovo nelle celebrazioni più solenni della Cattedrale, sempre secondo i regolamenti e gli statuti. Non ultimo, i canonici sono custodi della tradizione cultuale e culturale che da secoli vive nella nostra chiesa particolare.

Diocesi di Carpi

all rights reserved

powered by duemmeweb