Slide background

Patrono CarpiANNO 1996 1997

Uno strumento di comunicazione arricchito nei collaboratori e nei contenuti

Sulle pagine di Notizie alcuni temi legano gli anni 1995 e 1996. Prosegue il dibattito sull'impegno dei cattolici in politica, già nei primi mesi del 1995, a partire dall'intervista rilasciata alla stampa nazionale dal cardinale di Torino Giovanni Saldarini. "Quei nostri bravi cattolici..." è il titolo dell'editoriale su cui si confrontano, con il loro contributo, esponenti di varie formazioni politiche e associazioni. Si avvicinano le elezioni amministrative e ci si interroga su quale potrà essere il ruolo dei cattolici - in un'epoca in cui, peraltro, si evidenzia l'allentarsi del senso di appartenenza - nella costruzione delle proposte di governo per la città. Nel marzo 1996 è lo stesso monsignor Bassano Staffi eri a tornare sull'argomento con una nota pastorale. Segue, poi, nell'ottobre 1996 uno dei primi forum organizzati da Notizie, per delineare, insieme ad alcuni politici cattolici, il nuovo scenario dopo il tempo della diaspora. Nei primi numeri del 1996, soffermandosi invece sull'ambito, per così dire, economico- sociale, Notizie propone una riflessione dal titolo "Lo 'scandalo' dei primi", prendendo spunto da una provocazione lanciata da Giuseppe De Rita, presidente dell'Ucid (Unione Cristiana Imprenditori e Dirigenti): far fruttare i talenti è una tentazione o una vocazione? Chi ha potere o responsabilità, per la comunità ecclesiale, è un vanto, un tesoro o un ingombro? Di volta in volta, il settimanale raccoglie le "opinioni in libertà" di alcuni fra i protagonisti del mondo economico ed imprenditoriale locale. Ad unire le due annate c'è inoltre il decennale di Notizie. Di strada ne ha fatta parecchia il giornale, commentano i colleghi della carta stampata nel dicembre 1995, riconoscendo come dalle quattro pagine, che servivano da collegamento alle tante realtà della Diocesi, si sia passati ad un vero e proprio settimanale, arricchito nei contenuti, nei collaboratori, nella capacità di coinvolgere l'opinione pubblica su problematiche scottanti. Nell'ambito del decennale, si valorizza anche "l'altra metà della comunicazione" con l'iniziativa "Donne e media" nel dicembre 1996, a cui intervengono alcune professioniste delle comunicazioni sociali, come suor Myriam Castelli, Annalisa Bonaretti e Sara Gelli. Fra le ricorrenze, da evidenziare il 50° della fine della guerra e della lotta di liberazione. Per Notizie è l'occasione per rilanciare l'interesse sul "Vescovo della Resistenza", monsignor Vigilio Federico Dalla Zuanna, e su don Francesco Venturelli e gli altri sacerdoti uccisi in Regione dopo la fine della guerra. "Angela sii forte" è l'incoraggiamento, a caratteri cubitali, che il 5 febbraio 1995 Notizie rivolge a suor Angela Bertelli, sequestrata con alcune consorelle nei giorni precedenti in Sierra Leone. Grande è la preoccupazione di tutta la Diocesi, che durante la Quaresima si unisce in una preghiera incessante. L'ansia si trasforma in gioia il 20 marzo quando giunge la notizia della liberazione delle religiose. E' suor Angela stessa a raccontare la sua drammatica esperienza ai giovani della Diocesi in occasione della Giornata della Gioventù, per poi ripartire, con rinnovato slancio missionario, alla volta degli Stati Uniti. Gravi, infine, le ferite inferte dal terremoto, il 15 ottobre 1996, a Carpi, e in particolare alla Cattedrale, al Palazzo vescovile, al Castello, alle chiese e ad altri edifici del centro storico. Ad oltre 36 miliardi di lire ammontano i danni al patrimonio della Diocesi e del Comune. "Primo: riaprire la Cattedrale!" è la priorità indicata da monsignor Staffieri ai tecnici e alle autorità competenti. Un appello che - ma nessuno allora poteva immaginarlo - sarebbe stato ripetuto, in modo accorato, una ventina di anni dopo dal Pastore della Chiesa di Carpi. Nonostante tutto, a Natale arriva un regalo insperato: la riapertura parziale della Cattedrale, dove si può celebrare la Messa di mezzanotte.

Not

Diocesi di Carpi

all rights reserved

powered by duemmeweb